Niente rime

il

Il cielo è nascosto da un velo di cenere

lo vedo dall’alto del fondo del mare

mentre aspetto di toccare terra

provo a dormire fra le radici dell’erba

saranno i cannoni o i colpi del cuore

che mi faranno poi addormentare

secondi contigui divisi dai secoli

ad aspettare il gregge allo steccato

l’attesa è lunga un battito di ciglia

la vita è acqua in un bicchiere forato

trattengo il fiato per prendere tempo

mi vesto di polvere e provo a sparire

riparo la luce dal buio che avanza

e un tuono mi spoglia di tutti i rimpianti

se porto le mani davanti agli occhi

le lacrime timide potranno vestirsi

e quando avranno varcato la soglia

da sole sapranno dove cadere

il buio mi acceca e non ho paura

la morte è solo un altro impegno

se sono, e lo credo, un po’ fortunato

l’ultimo, prima del week end.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...